NECESSARIA L’AUTORIZZAZIONE DEL GIUDICE PER VERSARE L’ASSEGNO DI MANTENIMENTO DIRETTAMENTE AL FIGLIO MAGGIORENNE

NECESSARIA L’AUTORIZZAZIONE DEL GIUDICE PER VERSARE L’ASSEGNO DI MANTENIMENTO DIRETTAMENTE AL FIGLIO MAGGIORENNE

Con l’ordinanza n. 9700/2021 la Terza Sezione Civile della Corte di Cassazione ha disposto che non basta l’accordo tra i genitori separati e il figlio per autorizzare il padre a versare l’assegno di mantenimento direttamente al figlio maggiorenne anziché alla madre, in caso di contestazione di quest’ultima.

I giudici hanno specificato che la modifica del soggetto beneficiario dell’assegno di mantenimento non può essere oggetto di un accordo tra i soggetti interessati, in quanto la determinazione dell’assegno risponde ad un interesse che non è disponibile da parte di quest’ultimi.

Una volta stabilito, nel provvedimento giudiziale, chi debba essere il debitore e chi il creditore dell’obbligazione di mantenimento, tale provvedimento non è suscettibile di essere privato di effetti da un successivo accordo tra i soggetti obbligati.

Per poter procedere al versamento dell’assegno direttamente al figlio maggiorenne è indispensabile, quindi, che quest’ultimo presenti un’apposita istanza e ottenga un provvedimento giurisdizionale di modifica del soggetto destinatario del mantenimento.

 

Clicca sul seguente link per leggere il nostro contributo: Contributo ordinanza n. 9700_2021